metal work panels

models gallery


Hawker Tempest Mk-V - Eduard kit scale 1:48 - full customized

version:

F/O B.F. Miller, No 501 Squadron, Bradwell Bay, October 1944

 B.F. Miller, a member of the USAAF, served with several units in the RAF. While serving with No.508 Squadron flyng a Mosquito, he shot down a V-1, and added another two while flyng with Fighter Interception Unit, which was tasked with intercepting the V-1s, and which was ultimately done by No.501 Sqdr. Serving with the latter, Miller was able to destroy another six V-1s. Other pilots besides Miller flew this aircraft, and on the night of October 21/22, 1944, F/O L.A.L. Johnson bagged two

Source: Eduard kit instructions & references

il progetto tempest: genesi della tecnica mwp


Il progetto Tempest, datato 2011/2012 è, a tutti gli effetti, il più importante dell'evoluzione della tecnica MWP (Metal Work Panels) in quanto, nel bene o nel male, seppur da un lato, aspramente criticato dai modellisti c.d. "puristi"  e dunque fortemente detrattori, e dall'altro,  amato e sognato invece da tutti coloro che, lungimiranti, intravedevano finalmente una reale possibilità di  poter realizzare i propri modelli completamente, o anche solo parzialmente, in metallo leggero, ultrasottile come il lamierino di alluminio e rame, è stato il primo ad  indicare la via,  beninteso lastricata da successi e fallimenti come accade nella vita, da seguire per ottenere un risultato sicuramente apprezzabile e capace di restituire un' enorme soddisfazione.

Fin qui, nulla di che, ma il progetto in esame, è stato all'altezza di abbattere nel tempo, la mendace barriera dell'inutile convinzione che ammorbava ( e probabilmente anche ora) i soliti detrattori,  in merito all'assurdità e/o impossibilità di procedere con la tecnica MWP,  su un modello di così piccole dimensioni ( scala 1:48) : ebbene,  pare proprio che i fatti, o meglio, le innumerevoli illustrazioni sparpagliate lungo le pagine del sito, raccontino una ben altra verità ,  come dimostrato ad esempio dal modello  B-58 "Hustler" in pari scala dimensionale.

Alla stregua di quanto detto sopra, risulta incontrovertibile che il progetto "Tempest" è da considerarsi a tutti gli effetti, come la genesi della tecnica MWP ( o quantomeno,  di quella utilizzata nella Guida redatta dal sottoscritto) e dunque come, la "pietra migliare" di una procedura veramente molto complessa ma non di meno, alla portata di tutti coloro che, armati di molta pazienza  e fiducia,  ne potranno ricavare un'enorme soddisfazione.

La tecnica MWP, eseguita correttamente secondo precise regole di base in modo completo o anche parziale,  restituisce al modello,  un realismo sicuramente interessante dal punto di vista strutturale e della testurizzazione con effetti difficilmente paragonabili a quelli (sebbene di grandissimo valore ed impatto sia modellistico che fotografico ) conseguenti alla colorazione in NMF (Natural Metal Finishing) a prescindere dagli ottimi prodotti presenti sul mercato e dalla semplicità o comodità insita nella tecnica di colorazione e preshading .

Sono fiero e soddisfatto del risultato raggiunto con il progetto in esame indipendentemente dagli errori commessi ( ce ne sono tanti e da questi, ho cercato di trarre conclusioni ed imparare nuove metodologie al fine di evitarli in futuro )  e son felice di aver potuto condividere il percorso con moltissimi interessati i quali, continuano tutt'ora a seguirmi in nuove e particolari avventure sempre più complesse ed importanti.

A proposito di percorso evolutivo della tecnica MWP,  concludo l'articolo rammentando a me stesso che, c'è ancora molto da imparare sull'impiego della tecnica di rivestimento metallico e solo con il costante impegno ed un pizzico di fiducia si ottiene la necessaria esperienza per affrontare e superare  la nostra quotidiana avventura.

A presto e come sempre, buonissimo modellismo a tutti.

Giorgio

 

MWP ( Metal Work Panels ) : nella mia Guida, giunta alla quarta parte, spiego passo passo, come accostarsi a questa tecnica molto particolare ed un poco impegnativa ma, allo stesso tempo, di grande soddisfazione grazie alla quale, una volta acquisite le tecniche di base e la giusta manualità, potrete realizzare i vostri progetti in metal finish.

Buona navigazione.

Giorgio


The ultimate photo-gallery:

Hawker Tempest MkV - Eduard kit "Limited Edition" scale 1:48 + CMK Napier Sabre MkIIb + PE Eduard detail set + Full MWP (metal work panels)
Hawker Tempest MkV - Eduard kit "Limited Edition" scale 1:48 + CMK Napier Sabre MkIIb + PE Eduard detail set + Full MWP (metal work panels)

Hawker Tempest MkV - EDUARD kit scale 1:48 - FULL CUSTOMIZED - F/O B.F. Miller, No 501 Squadron, Bradwell Bay, October 1944
Hawker Tempest MkV - EDUARD kit scale 1:48 - FULL CUSTOMIZED - F/O B.F. Miller, No 501 Squadron, Bradwell Bay, October 1944

in bacheca:

Hawker Tempest MkV - Eduard modelkit scale 1:48 (2012)
Hawker Tempest MkV - Eduard modelkit scale 1:48 (2012)

In questa sezione. puoi consultare tutto il materiale utilizzato per realizzare questo progetto.

Il kit e gli accessori impiegati per dettagliare ed arricchire il diorama fotografico pubblicato nella pagina.


English Vietnamese Welsh Swedish Slovenian Serbian Romanian Polish Filipino Latin American Spanish Turkish Latin Ukrainian Slovak Lithuanian Latvian Indonesian Catalan Hebrew Hindi Icelandic Hungarian Finnish Chinese Traditional Chinese Simplified Korean Japanese Portuguese Italian French Spanish Arabic Dutch Danish Czech Croatian Bulgarian Brazilian Portuguese Norwegian Russian Greek German